Le qualità dell’uomo evoluto

“L’assenza di paura, la purificazione dell’esistenza, lo sviluppo della conoscenza spirituale, la carità, il controllo di sé, il compimento di sacrifici, lo studio dei Veda, l’austerità, la semplicità, la non violenza, la veridicità, l’assenza di collera, la rinuncia, la serenità, l’avversione per la critica, l’assenza di collera, la rinuncia, la serenità, l’avversione per la critica, la compassione verso tutti gli esseri, l’assenza di cupidigia, la dolcezza, la modestia, la ferma determinazione, il vigore, il perdono, la forza morale, la purezza, la libertà dall’invidia e dalla sete di onori – queste sono qualità trascendentali, proprie degli uomini virtuosi dotati di natura divina, o discendente di Bharata.”

(Bhagavad-gita 16.1-3)

Annunci

2 pensieri su “Le qualità dell’uomo evoluto

  1. Rinuncia significa abbandonare tutto ciò che si oppone e ostacola la nostra evoluzione. E conseguentemente accettare tutto ciò che la favorisce.
    Come ben dici la rinuncia non è un atto cieco, ne fine a se stesso.
    Rinuncia non significa repressione, ma trasformazione.

    Grazie.

  2. ciao! io vorrei capire perchè la rinuncia debba essere una qualità che porta alla virtù. capisco la rinuncia a tutto ciò che è eccessivo, bramoso, “malato” per così dire. ma la rinuncia tout court mi sembra limitante.
    grazie
    b

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...