Dieta Yoga per l’armonia mente e corpo

La dieta vegetariana fornisce i nutrimenti essenziali per tenere in equilibrio la mente e il corpo. Quando una dieta vegetariana viene seguita in modo appropiato quei nutrienti possono prevenire e controllare il colesterolo, l’alta pressione sanguigna, l’obesità, il cancro, il diabete e l’insonnia con molta efficacia, rispetto ad una dieta non vegetariana. Consumare il cibo giusto, nella quantità appropiata e regolare negli orari costituisce la dieta yogica perfetta. Infatti è proprio una dieta vegetariana che soddisfa tutti i bisogni, e a più livelli, necessari all’equilibrio mente-corpo.

La dieta, secondo lo yoga, si divide in Sattvika, Rajasika e Tamasika, con riferimento ai tre guna o qualità essenziali della natura. Sattva è la calma, Rajas è l’agitazione e Tamas la tossicità.

I cibi sattvici sono quelli costituiti da sostanze naturali, biologiche e senza pesticidi. Caratterizzati da una equilibrata combinazione di grani integrali, legumi, lenticchie, frutta e vegetali freschi. Senza aglio, cipolle e funghi. Frutta secca, latte, prodotti derivati dal latte, zuccheri naturali come quello di canna e il miele, spezie come il coriandolo, il cumino, pepe nero, sesamo, basilico, menta, zenzero sono parte del programma. Che prevede inoltre di cuocere con olio di sesamo, girasole, oliva e cocco.

La Bhagavad-gita descrive il cibo sattviko come quello che favorisce la vita, la virtù, la forza, la salute, la felicità e la soddisfazione.

La dieta rajasika da cimi che stimolano eccessivamente e che rovivano l’equilibrio mente-corpo. Essi provocano agitazione, emozioni negative e portano a problemi circolatori e nervosi. Anche il cibo sattviko, se consumato in fretta e con l’attitudine sbagliata può divenire rajasiko. Il cibo di questa natura è costituito di caffè, te, cola, cioccolata, tabacco, cipolla e d aglio. Cibi fritti ed eccessivamente grassi. Nella Bhagavad-gita vengono definiti come “eccessivamente caldi e piccanti, amari, pungenti, che bruciano la lingua”.

La dieta tamasika causa sonnolenza, passività, letargia. I cibi di questa tipologia distruggono la capacità del corpo a fronteggiare lo stress e abbassano la resistenza alle malattie. Essi non posseggono “prana”, ovvero l’energia necessaria per l’equilibrio corpo-mente. Il cibo sattviko se consumato in eccesso può portare gli effetti collaterali del tamas. Sono quei cibi vecchi, bruciati o troppo cotti. Comprendono carne, pesce, uova, funghi, aceto e alcool. Descritti nella Bhagavad-gita come “senza gusto, uniformi, troppo cotti,…”.

(Giovanni David Canepa, da una clinica Ayurvedica dell’India, Jagannath Puri)

Diritti Riservati

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...